• Abbazia di Pomposa
    Abbazia di Pomposa
  • Schifanoia - dettaglio affreschi
    Schifanoia - Salone dei Mesi
  • Castello di Mesola
    Castello di Mesola
  • Castello di Mesola
    Castello di Mesola
  • Castello Estense - Salone dei Giochi
    Castello Estense - Salone dei Giochi
  • Belriguardo - sala delle Vigne
    Belriguardo - Sala delle Vigne
  • Delizia del Verginese
    Delizia del Verginese
  • Abbazia di Pomposa
    Abbazia di Pomposa
  • Delizia di Belriguardo
    Delizia di Belriguardo
  • Schifanoia - dettaglio affreschi
    Schifanoia - Salone dei Mesi
  • Delizia di Benvignante
    Delizia di Benvignante
  • Castello Estense di Ferrara
    Castello Estense di Ferrara
core zone - buffer zone

Ferrara, Città del Rinascimento e il suo Delta del Po

Ferrara, che si sviluppò attorno ad un guado sul fiume Po, divenne un centro artistico ed intellettuale in grado di attrarre  le personalità di spicco del Rinascimento Italiano nel XV e XVI secolo. Qui Piero della Francesca, Jacopo Bellini e Andrea Mantegna decorarono le dimore del Ducato Estense. Il concetto umanista di “città ideale” venne alla luce grazie alle addizioni urbane costruite dal 1492 in poi da Biagio Rossetti, seguendo i principi della prospettiva. Il compimento di questo progetto  segnò la nascita dell’urbanistica moderna ed influenzò il suo successivo sviluppo.


Il Sito Unesco

Nella Lista del Patrimonio Mondiale tutelato dall’Unesco entrano solo luoghi unici al mondo.
La città di Ferrara con il territorio del delta storico del Po è uno di questi.
L’Unesco ha individuato dieci criteri, dieci diverse definizioni di eccellenza sulla scorta delle quali un Sito può essere iscritto nella Lista: i primi sei criteri identificano valori culturali, gli ultimi quattro valori di tipo naturale.
Il Sito ferrarese, che nel 1995 aveva ottenuto il riconoscimento dell’Unesco limitatamente al centro storico della città di Ferrara, dal 1999 è nella Lista del Patrimonio Mondiale anche per la vasta area dell’antico delta del Po contrassegnata dalle “delizie” e si qualifica come un paesaggio culturale. Il che significa che il Sito non si connota per la bellezza di singoli monumenti ma per l’insieme significativo e coerente di un territorio pianificato nel Rinascimento dove, in una maniera ancora oggi perfettamente leggibile, si motivano reciprocamente le emergenze monumentali e gli elementi naturali.

Il suo eccezionale valore universale consiste sostanzialmente nell’essere la testimonianza visibile di come la cultura del Rinascimento sia trascritta nella pianta della città di Ferrara fino a renderla un modello per l’urbanistica e abbia, allo stesso tempo, plasmato il territorio attraverso un vasto programma di bonifiche, pianificandone lo sviluppo produttivo e strutturandolo con l’inserimento di tenute agricole e ville, le Delizie Estensi, che costituivano traguardi monumentali e presidi di controllo delle nuove terre.
Ben cinque dei sei criteri di ordine culturale combinati tra loro lo definiscono così:
Ferrara, esemplarmente progettata nel Rinascimento, conserva il suo centro storico intatto. I canoni della pianificazione urbana qui espressi ebbero una profonda influenza per lo sviluppo dell’urbanistica nei secoli seguenti. (Criteri ii, iv e vi);
Le residenze dei duchi d’Este nel Delta del Po illustrano in modo eccezionale il riflesso della cultura del Rinascimento sul paesaggio naturale. (Criterio iii);
Il Delta del Po è un eccezionale paesaggio culturale pianificato che conserva in modo notevole la sua forma originale. (Criterio v).


CARTOGRAFIA

Nella sezione cartografica sono disponibili tre livelli di consultazione, pensati per altrettanti target di riferimento. In particolare la cartografia storica ha un approccio umanistico al tema del paesaggio mentre la cartografia tecnica ( CGU webgis, 3D ) offre uno strumento a supporto di progettisti, tecnici e valutatori. Quest’ultima sezione cartografica è stata redatta nell’ambito del progetto “Osservare, valutare, progettare il paesaggio”, finanziato dalla  L. 77/2006, per la realizzazione del quale è stato costituito un gruppo di lavoro composto dalla Regione Emilia Romagna, dal Segretariato Regionale del MiBACT  e coordinato dalla Provincia di Ferrara, con l’obiettivo di approfondire e promuovere la conoscenza delle componenti sensibili del paesaggio culturale caratterizzanti il Sito e delle criticità collegate alla gestione delle molte reti infrastrutturali e alle componenti di rischio idrogeologico.

Tutta la cartografia presente sul sito è aperta alla libera consultazione.


MAB

logo MABMABmap_bozza

Il Programma MAB (Man and the Biosphere)  è stato avviato dall’UNESCO negli anni ’70 allo scopo di migliorare il rapporto tra uomo e ambiente e ridurre la perdita di biodiversità attraverso programmi di ricerca e capacity-building. Il programma ha portato al riconoscimento, da parte dell’UNESCO, delle Riserve della Biosfera, aree marine e/o terrestri che gli Stati membri s’impegnano a gestire nell’ottica della conservazione delle risorse e dello sviluppo sostenibile, nel pieno coinvolgimento delle comunità locali. Scopo della proclamazione delle Riserve è promuovere e dimostrare una relazione equilibrata fra la comunità umana e gli ecosistemi, creare siti privilegiati per la ricerca, la formazione e l’educazione ambientale, oltre che poli di sperimentazione di politiche mirate di sviluppo e pianificazione territoriale.Dal 9 giugno 2015, con il riconoscimento del Delta del Po quale riserva della biosfera MAB, buona parte del territorio ferrarese – che era già inscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale (WHL) come PAESAGGIO CULTURALE- si trova ad essere contemporaneamente oggetto dei due massimi riconoscimenti UNESCO. Un dato che sottolinea con un rimarchevole tratto di eccezionalità il valore culturale, paesaggistico, economico di questo territorio.

In estrema sintesi le caratteristiche dei due riconoscimenti sono:

  • l’iscrizione nella WHL riguarda l’impianto urbanistico della città di Ferrara e la pianificazione del territorio attuati nel Rinascimento. L’iscrizione è permanente ed è intesa principalmente alla conservazione e valorizzazione delle invarianti paesaggistiche che connotano il Sito Ferrara città del Rinascimento e il suo Delta del PO;
  • l’iscrizione al MAB è a termine, va ad interessare un’area con qualità naturalistiche eccezionali ed è intesa a valorizzarne le caratteristiche all’interno di un piano di sfruttamento sostenibile che coinvolga contemporaneamente attori pubblici e privati.

Link ufficiale MAB :

http://www.unesco.org/new/en/natural-sciences/environment/ecological-sciences/man-and-biosphere-programme/

Link al Delta del Po come riserva della biosfera:

http://www.unesco.org/new/en/natural-sciences/environment/ecological-sciences/biosphere-reserves/europe-north-america/italy/po-delta/

Link al sito del Parco :

http://www.parcodeltapo.it/pages/intro.php

Link Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco :

http://www.unesco.it/cni/index.php/scienze-naturali/biosfera